Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/breakoff.it/public_html/wp-content/themes/multinews/framework/admin/redux-framework/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Romancero gitano - Recensione ⋆ Breakoff  

domenica 5 Dicembre 2021 - 01:59

Romancero gitano – Recensione

Romancero gitano
Racconto del diverso

romancero gitano
Pubblicato per la prima volta nel 1928 a Madrid sulla Revista de Occidente, Romancero gitano è una delle opere più conosciute dell’autore andaluso Federico Garcia Lorca, esponente principale delle Generazione del ’27. È un romanzo poetico, formato da 18 componimenti in versi, ognuno dedicato a persone e artisti cari allo scrittore: Dámaso Alonso, Fermando de los Rios, José Antonio Rubio Sancristán. Il primo e unico obiettivo di Lorca è dar voce ai gitani: ne descrive leggende, costumi, sentimenti, evocando quella loro identità che tanto cercano di preservare. Il lettore percepisce subito una certa empatia che unisce l’autore andaluso con il mondo gitano: entrambi vivono in una condizione di disagio in cui la loro identità è punita dalla società. Lorca, che non vive di buon grado la sua omosessualità, si avvicina ad un popolo ghettizzato e dimenticato, se pur radicato da anni nella terra andalusa. In Romancero gitano prevalgono toni nostalgici e sentimentali, immagini quasi mitologiche di un tempo ormai perduto che le autorità tentano di estirpare con la forza. Le passioni represse di questo popolo sono condivisi dall’autore e, in un secondo momento, trasmesse al lettore. Apice, a mio parere, del sentimento di sofferenza generale che caratterizza l’opera è il componimento La monaca gitana, nel quale si rivivono i desideri repressi di una donna che si è imposta un abito religioso e ora non riesce ad adempiere a i suoi doveri. Ricorrenti sono le immagini del fiume Guadalquivir e della polizia che, puntualmente, scova fuorilegge o amanti gitani per poi punirli. Il verde, colore associato alla carnagione di questo popolo, è il colore che predomina e che Lorca celebra nel componimento Romancero sonámbulo con toni forti e decisi:

Verde ti voglio proprio verde.
Verde vento. Verdi rami.
La sua barca sul rame
E il cavallo sulla montagna.

Romancero gitano è un romanzo che nasce da un uomo diverso, desideroso di poter vivere la propria natura senza essere oltraggiato. Il disagio provato da Federico Garcia Lorca lo unisce nella sofferenza alla cultura gitana e da voce a uno dei capolavoro della letteratura spagnola.

Romancero gitano
Cátedra, Madrid, 2011
Martina Antenore

About The Author

Related posts

Close