Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/breakoff.it/public_html/wp-content/themes/multinews/framework/admin/redux-framework/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Guild Wars 2 - Path of Fire ⋆ Breakoff  

venerdì 30 Settembre 2022 - 21:48

Guild Wars 2 – Path of Fire

 SULLE TRACCE DI BALTHAZAR

 

Esattamente il 28 aprile di dodici anni fa, il fin troppo blasonato e strapotente World of Warcraft trovò un degno avversario nel panorama del multiplayer online.

 

Un avversario che si dimostrò totalmente differente dall’ormai rodato titolo Blizzard, a partire dalla modalità free to play che fu subito un plus pesante ed azzeccato. A corredo della già ottima offerta, venne aggiunto un gameplay che spingeva fortissimo sulla componente cooperativa, letteralmente obbligando i giocatori a riunirsi per affrontare le missioni di una delle più avvincenti storyline nel panorama mmorpg.

 

Quel gioco era Guild Wars, ed oggi, a distanza di così tanto tempo, la guerra delle gilde di Arenanet torna alla ribalta con Path of Fire.

 

 

Il successo di Guild Wars fu confermato dai 6 milioni di giocatori attivi che portarono NCsoft ed Arenanet ad ampliare l’universo di Guild Wars con tre espansioni ed un secondo capitolo, rilasciato nel 2012, caratterizzato da un gameplay ampliato e rivisto, nuove classi, razze, specializzazioni, ed una prima espansione non proprio riuscita, ma comunque molto stimolante (la verticalità delle mappe e la cattiveria dell’ia erano già sufficienti a giustificare il costo del pacchetto).

 

I continui rilasci di pacchetti aggiuntivi, gli eventi, l’utilizzo dei mega server per facilitare le interazioni fra gli utenti e soprattutto una living story da giocare tutta d’un fiato, sono stati il ponte per Path of Fire, l’ultima espansione che vedrà la luce il 22 settembre.

 

Per evitare le critiche e rimediare al mezzo passo falso compiuto con Heart of Thornes (la precedente espansione), Arenanet stavolta ha preferito fare leva sullo zoccolo duro della comunità, ovvero sui giocatori di più vecchia data, ambientando Path of Fire nelle cocenti sabbie del Deserto di Cristallo.

Quelli come me che hanno passato interminabili ore su Nightfall, hanno sentito un hype incontrollabile al vedere le immagini del nuovo setting che riportava alla mente tanti cari ricordi del terzo dlc dell’originale Guild Wars.

 

Si torna quindi a calcare le distese brucianti di Elona con oasi sparse e città nel deserto in mappe che saranno ancora più grandi. Le più grandi in assoluto di tutta la saga.

 

Per andare in lungo e in largo all’inseguimento di Balthazar, il Dio della Guerra decaduto e voglioso di vendetta, potremo contare sulla novità vera e propria di questa espansione: le mount.

 

Nella lingua di Dante possiamo tradurlo in cavalcature: come nel miglior Monster Hunter che si rispetti, dovremo andare in cerca del nostro compagno a quattro zampe (o pinne, o ali), per domarlo e renderlo mansueto onde poter percorrere il vastissimo continente di Path of Fire.

 

Non saranno solo i deserti infatti a farla da padrone, ci saranno anche zone boscose e distese innevate con nuovi nemici e boss da affrontare, eventi che coinvolgeranno frotte di giocatori, un pvp con un world vs world migliorato ed una nuova trama che si preannuncia davvero ben strutturata.

 

Non saranno presenti nuove razze, ma nuove specializzazioni elite con cui potremo aggiornare i nostri personaggi per renderli ancora più efficaci secondo il nostro modus giocandi; insomma questo Path of Fire sembra un’ottima calibrazione fra vecchie glorie e nuove aggiunte ad una macchina ben oliata.

 

Il prezzo poi è decisamente abbordabile in pieno stile Arenanet: 29 euro.

 

Datemi retta, compratelo subito!

 

Denny Calamai

About The Author

Avatar photo

Autore della rubrica God Mode On per Breakoff.it // studente di ingegneria e lavoratore // musicista e dj // gattofilo integralista // cuoco mancato // pro gamer

Related posts

Close