Warning: Creating default object from empty value in /home/customer/www/breakoff.it/public_html/wp-content/themes/multinews/framework/admin/redux-framework/ReduxCore/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Filippo Stasi - Intervista ⋆ Breakoff  

domenica 23 Gennaio 2022 - 17:31

Filippo Stasi – Intervista

Filippo Stasi, una vita dietro le pelli, dal metallo ai cartoni animati.

Filippo,cosa ti ha portato a scegliere come primo strumento proprio la batteria?
Allora, come iniziare? Diciamo che intorno ai 5/6 anni mio nonno musicista anche lui, mi mette davanti al pianoforte, io apprezzo subito quel dolce e penetrante suono, ma mi manca qualcosa, uno strumento che faccia uscire ed esprimere le mie emozioni! A casa di mio cugino una volta a settimana veniva un insegnante di batteria, per l’appunto mi ci trovai e mi mise davanti allo strumento! Praticamente senza tanti giri di parole feci subito un pattern semplice che avevo ascoltato da mio cugino e l’insegnante rimase esterrefatto! Da li capii subito quale era il mio strumento
Come potresti descrivere il tuo percorso di formazione con un santone della batteria italiana come mac Poldo e la sua scuola?
Intorno ai 12 anni dopo aver girato insegnanti e scuole, mi portarono da mac Poldo, grandissimo insegnante rinomato! Li ho iniziato un percorso formativo e molto importante, perché molto lo devo a lui! Tuttora ovunque suono mi viene subito chiesto se ho studiato da lui, perché solo lui è in grado di darti un qualcosa in più che ancora oggi pochissimi insegnanti sanno insegnarti, (la pacca, il cerchio e pelle) non smetterò mai di ringraziarlo , Il mio percorso ha poi preso altri sbocchi, come ad esempio l’accademia lizard nella quale e mi sono diplomato e che tuttora sto frequentando per prendere il master! Il mio sogno è di diventare un turnista di fama internazionale.
Data la tua esperienza come turnista nelle tribute e cover band,come descriveresti la situazione delle tribute band italiane?
Di tribute band oggi ce ne sono a bizzeffe, chi più bravo chi meno! Il problema è che oggi per le band emergenti ci sono pochi sbocchi! Sono favorevole fino ad un certo punto alle tribute band, perché poi credo che ad un certo punto dovrebbero prendere un altro percorso , scrivere canzoni proprie ecc ecc……! Si sa che con la tribute più di quello non puoi sperare in altro! Io spessissimo vengo chiamato a suonare nelle tribute ed è un grande onore suonare con tanti musicisti
Quali sono le difficoltà tecniche e psicologiche per un musicista turnista nello “Splittare” da un genere all’altro spesso cosi’ diversi tra loro?
Le mie origini sono metal, fra l’altro ho suonato e tuttora vengo chiamato in prestito nelle tribute degli Iron Maiden, band che adoro in eccellenza sin da piccolo. I cartoni animati son sbucati fuori tardi, intorno all’età di 27 anni! Mi chiamarono i Banana split per 2 serate in prestito! E nello studiare i brani, mi accorsi subito delle forti dinamiche e versatilità nel suonarli; fui subito catturato da tutto ciò! Per cui loro cercavano un batterista, a me piaceva tanto il loro progetto e così rimasi con loro.
Come ci descrivi l’esperienza di suonare per Cristina D’Avena?
Mi è capitato di lavorare con personaggi di grosso calibro, ultimamente ho collaborato tramite i banana split con Cristina d’avena, Giorgio Vanni e Riccardo zara ed è stato molto formativo e appagante! Lavorare con personaggi famosi t’incentiva a dare di più e ad impegnarti al massimo per essere professionisti! Spero sempre di arrivare a farlo in modo professionale.
Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Nei miei prossimi progetti ho tante cose da fare, oltre al master alla lizard, sono stato richiamato a rapporto dell’orchestra d’Oblio, gruppo prog in cui suonavo qualche anno fa e sempre con essa comporre colonne sonore per cui ci è stato richiesto dalle case discografiche! Punto tutto su me stesso e diventare un turnista di grosso calibro! È un sogno nel cassetto che ho promesso a mio carissimo nonno, mentore che purtroppo non c’è più ma che da lassù mi assiste! Grazie mille e buona musica, perché un mondo senza musica non riesco a immaginarlo! Voi?
Un sentitissimo grazie a filippo Stasi!!!

About The Author

Autori per Breakoff della rubrica musicale Bring the Noise // Vocalist di Break the Radio // Fanno cose, vedono gente

Related posts

Close