domenica 28 Febbraio 2021 - 14:33

Select your Top Menu from wp menus

Fall in Rock – intervista Hydrea

[grid-gallery id=2]
 
1. Come e quando nasce il progetto “THE ERA OF CHANGE” ?
 
Il progetto musicale “THE ERA OF CHANGE”  nasce nel 2011 ed è un progetto solista che tutt’ora sto sviluppando. Dall’inizio del 2014 ho iniziato la mia produzione con 
Lo Studio (Hand Made Music) di Torino. In particolare, Leonardo Corradazzi, il mio Sound Engineer, che si occupa della produzione, il mixing, l’editing e l’arrangiamento di alcune parti.  Micheal Saddey, al Basso e Axel Scarpulla alla Batteria. Questo è il mio Team ufficiale, ma sicuramente ho intenzione di aggiungere altri elementi come un tastierista, dei violinisti ecc.
 
Oltre che musicale, questo progetto lo definirei anche sociale, perchè l’argomento principale è il Cambiamento, inteso come cambio d’era e quindi cambio della coscienza umana che dovrebbe dirigersi al positivo.

Per trovare nuova ispirazione nell’Ottobre 2011 sono partita per  Londra e ho vissuto lì per quattro mesi, vivendo in piena libertà e soprattutto senza vincoli. Questa esperienza è stata molto importante per la mia evoluzione, sia personale che artistica..In questo viaggio.. mi sono soffermata molto ad osservare le persone e la loro energia in costante mutamento e ho scoperto delle cose veramente interessanti.

 

2. Quali sono le tue principali Influenze e come definisci il tuo stile musicale?

 

Gran parte della mia adolescenza è stata influenzata molto dal Progressive Rock Britannico. In particolare dai Pink Floyd e dallo stile chitarristico di David Gilmour. Poi successivamente, mi sono appassionata alle sonorità proposte da Steven Wilson, sia come solista, sia come leader dei Porcupine Tree.  Altre band influenti, Blackfield, Riverside, Anathema.

 
In particolare, gli Anathema, ho avuto il piacere di incontrarli personalmente nella tappa Italiana del loro Tour“Distant Satellites” e direi che mi stanno ispirando molto.
 
Oltre al Prog Rock, anche la New Age è parte della mia esperienza musicale.. Mike Oldfield, David Arkenstone per me sono assolutamente dei maestri in questo genere. Da queste influenze musicali sto cercando di creare un mio genere tutt’ora in fase di evoluzione e sperimentazione, a cui ho dato il nome di NEW. PROG. AGE.
 
 
3. Come vedi la scena musicale in Italia e come ti approcci al pubblico?
 
Vorrei vedere più coraggio e faccia tosta da parte delle Band. E soprattutto più voglia di presentare progetti nuovi ed innovativi, senza per forza rimanere intrappolati nella “macchina musicale”. 
 
 
Ci tengo a sottolineare.. che per realizzare il mio primo singolo ho cercato la via del Crowdfunding e quindi mi sono rivolta a Musicraiser, una piattaforma digitale dove puoi dar vita oppure partecipare alla realizzazione di progetti musicali attraverso lo strumento del crowdfunding. Fare questa Campagna con Musicraiser è stata una bellissima esperienza che consiglio a tutti quelli che vogliono fare musica indipendente e soprattutto autoprodursi un progetto solista.
 
Il mio approccio con il pubblico è del tipo: 
Hey! facciamo sentire la voce che abbiamo dentro e gridiamo! “fuori l’energia yeah!!..scateniamoci tutti, facciamo un sano casino, poi torniamo silenziosi perchè dopo la tempesta arriva la calma.
 
 

4. Su cosa stai lavorando in questo momento e quali sono i progetti per il tuo futuro artistico? 
 
Dopo l’uscita a Luglio di quest’anno del mio primo singolo “THE ERA OF CHANGE”(instrumental)  disponibile su iTunes, sono tornata da poco in studio per la produzione del mio primo album“THE ERA OF CHANGE”. L’intenzione è quella di produrre un concept album visto che le mie canzoni hanno appunto, come filo conduttore il “Cambiamento”. 
 
Da tutto ciò ne verrà fuori anche un cortometraggio e sarà girato tra Torino e la Toscana in luoghi molto suggestivi. La regia e le riprese saranno affidate al videomaker e regista Gianluca Signorino di Soundcave che ha già realizzato video per i Subsonica, Linea 77 e altri gruppi Torinesi.
 
Beh..per il futuro, essendo una visionaria penso ad una evoluzione del mio progetto. Quindi la possibilità di poterlo rappresentare attraverso un musical rock. 
Per questa nuova idea..work in progress.
 
 
5. Tre aggettivi per descrivere Hydrea.
 
Visionaria, tosta, vincente.
 
 
Lorenzo Lombardi
 

CERCA HYDREA SU:

About The Author

Responsabile categoria MUSIC per Breakoff.it // chitarrista & biker // pratica polemica a livello agonistico // inventore di barzellette opinabili // vive per tutto ciò che comprenda una chitarra

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close