domenica 28 Febbraio 2021 - 13:53

Select your Top Menu from wp menus

“Fall in Rock” – Intervista ai LIKE A PAPERPLANE

 

Vi presentiamo i Like a Paperplane, giovane band fiorentina alla continua ricerca di nuovi sound e ispirazioni.

 

1. Come e quando nascono i Like a Paperplane?

I “Like a Paperplane” nascono nell’agosto 2011 dall’incontro tra Mattia, Samuele e Francesco ( provenienti da un gruppo sciolto poco prima) e Lorenzo ( conosciuto ad una jam session in un locale vicino Firenze). la cosa che ci ha uniti fin da subito è stata la voglia di cercare un sound diverso da quel che ognuno di noi aveva fatto fino al momento. E questa voglia si è potuta concretizzare quando ci siamo avvicinati al Post-Rock. nel 2013 sono poi succeduti Marco e Roman, rispettivamente a Samuele e Francesco, ma la visione del gruppo è rimasta del tutto inalterata.

2. Quali sono le vostre principali Influenze e come definite il vostro stile musicale? (La scelta di un sound sperimentale      che non prevede una voce da dove deriva? Quali sono i riscontri a riguardo?)

Le nostre influenze principali derivano dal mondo del Post-Rock più classico. Inizialmente, per fare qualche nome, guardavamo a gruppi come God is an Astronaut, Mogwai, This will Destroy you, ecc…..

Il fatto di non avere un cantante ci permette di essere slegati da certe metriche restrittive date spesso da esigenze del testo e dall’importanza che spesso questo ricopre oggi. crediamo che in questo modo possiamo dare libero sfogo alla nostra creatività  e mettere al centro di tutto la musica e l’interazione tra i vari strumenti.

In generale abbiamo sempre ricevuto buone critiche sia da parte degli ascoltatori sia da quella della critica ed addetti ai lavori. Chi non conosce il genere spesso tende ad associare il fatto di non avere un cantante alla monotonia e ripetitività. ma nella maggior parte dei casi dopo averci sentito si rendono conto che un voce può benissimo essere sostituita in molti modi dalla sola musica.

3. Come vedete la scena musicale in Italia e come vi approcciate al pubblico?

Purtroppo non abbiamo una grande considerazione del panorama italiano più “commerciale”. I soldi fanno sempre più gola a molti e portano spesso ad un abbassamento della qualità per puntare più sull’aspetto mediatico e “cattura” della massa. Basta pensare ai vari talent show che negli ultimi anni stanno spuntando come funghi. E vedi una miriade di ragazzi il cui sogno è quello di diventare famosi con questi show, piuttosto che diventare bravi musicisti e fare un percorso di maturazione completo. Crediamo ancora che la musica sia arte fatta in un certo modo. non vogliamo essere così presuntuosi da dire che siamo artisti della musica. ma cerchiamo di avvicinarci alla definizione per quanto possibile attraverso studio, esperimenti ed ore di ricerca di composizione. vogliamo fare quello che ci viene naturale al meglio delle nostre possibilità e di esprimere ciò che abbiamo dentro in quel momento per condividerlo e farlo provare anche al pubblico. poi il fatto di essere conosciuti solo nel quartiere o in tutto il globo, è un fatto secondario. 

Il problema principale in Italia crediamo che sia il fatto che non esista una cultura musicale adeguata a livello di massa. specifichiamo che parliamo di “massa”, chiaramente gli appassionati ed acculturati di musica fortunatamente ci saranno sempre, ma in minoranza. per arrivare a tutti, sarebbe buona cosa iniziare a dare una cultura già da piccoli. dalla scuola. e non con 1 ora a settimana di flauto. ma con programmi adeguati ed aggiornati. così che tutti possano avere il possibilità di scegliere consapevolmente ciò che più gli piace e non andare solo dietro a ciò che i media vogliono pubblicizzare. E tutto questo influisce inevitabilmente anche sulla componente live music. purtroppo oggi moti locali preferiscono proporre gruppi che suonano brani non originali e quindi di più facile ascolto da parte del pubblico medio. speriamo in un cambio di direzione in un futuro non troppo remoto. è chiaro che poi i locali che danno spazio a gruppi originali e vari generi musicali esistono sempre e comunque. ma ci piacerebbe fossero molti di più.

4. Su cosa state lavorando in questo momento e quali sono i progetti per il vostro futuro artistico?

al momento stiamo lavorando a materiale nuovo. è da poco uscito il nostro primo LP “Unfolding Light”, ma vogliamo immediatamente metterci al lavoro su un futuro album. stiamo cercando di trovare qualcosa che possa modificare e migliorare in certi aspetti il nostro sound ed ora stiamo quindi un po’ sperimentando. presto nuovi aggiornamenti.

5. Tre aggettivi per descrivere i Like a Paperplane.

 Spontanei, sognatori, comunicativi

 

CONTATTI:

 FACEBOOK: www.facebook.com/likeapaperplane
 YOUTUBE: www.youtube.com/channel/UC3gbNGjMgkeTBdNypvTVDFw

 LETTORE AUDIO: https://play.spotify.com/album/0ebxhbw9AsnjjK2yxB8OfY

 

 

1397261_556046164484613_1039084748_o

 

 

 

Lorenzo Lombardi

About The Author

Responsabile categoria MUSIC per Breakoff.it // chitarrista & biker // pratica polemica a livello agonistico // inventore di barzellette opinabili // vive per tutto ciò che comprenda una chitarra

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close