lunedì 21 agosto 2017 - 21:47

Skom – Intervista

 

Martedì 6 Giugno a Rock Dj, negli studi di Radio Mugello, sono tornati a trovarci gli Skom, per presentarci il loro primo album”Chi Odi Sei” (uscito ufficialmente l’ 8 Giugno).
Gli Skom, acronimo per Some Kind of Make Up, sono un gruppo fiorentino-romagnolo posh punk pop (così si definiscono nella loro pagina Facebook) e sono formati da Ester “La Crux” Santacroce (voci, chitarre), Gianluca “Graeme” Grementieri (voci, chitarre), Martin Rush (basso, synth, beats, voci).
Gli Skom come ho anticipato erano già passati a trovarci a Rock Dj per presentarci il loro primo ep “Funf” uscito alla fine del 2015 (tra l’altro loro è anche la sigla che ci ha accompagnato in questa stagione).
Questa volta invece avevano da presentarci il loro primo album registrato fra Palermo (alla residenza artistica dello studio di produzione Indigo) e terminato nella campagna romagnola nello studio Cosabeat di Franco Naddei (che ha collaborato attivamente alla realizzazione del disco suonando anche synth, beats e molto altro).
Inoltre “Chi Odi Sei” si avvale della collaborazione di Simona Notaro (già a lavoro con Cesare Basile).
La musica proposta dagli Skom in questo disco risulta dura, ossessiva e senza compromessi, in cui l’elettronica svolge un ruolo primario insieme alle chitarre distorte.
I testi delle canzoni sono taglienti e crudi, la lingua italiana si mischia con il dialetto palermitano in “Arpie” e “Nuddu Ca Vieni”, con l’inglese in “Scilla”.
Se si vuole cercare dei riferimenti musicali a questo disco, il suo sound si può associare ad un certo post punk anni 80, ai Nine Inch Nails ed a mio parere anche ai Csi.
Durante la chiacchierata con Gianluca da “Chi Odi Sei” ci siamo ascoltati “Circe” (primo singolo che ha anche un video realizzato nella città di Ghibellina completamente distrutta dal terremoto del Belice nel 1968), “Polife'”(cantata da Gianluca) e “Motsu Zai O Ku Kai”(verso parte di una preghiera buddista).
Facebook: Skom
Sito internet: www.skom.it
Mirco Chiaramonti

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close