giovedì 15 novembre 2018 - 13:45

Queens Of The Stone Age Live @ Lucca Summer Festival

Il 23 giugno prende il via come da consuetudine, da piazza Napoleone, l’edizione 2018 del Lucca Summer Festival.

Ad aprire le danze quest’ anno tocca ai Queens Of The Stone Age. Capitanati dal loro carismatico leader, Josh Homme, la band americana si presenta sul palco intorno alle 22 e senza tanti preamboli inizia il suo show. È “Keep Your Eyes Peeled” a dare fuoco alle polveri ed è fin dai primi pezzi in scaletta che si capisce che la band è affiatata, i loro suoni sono puliti e potenti. Lo stesso Josh Homme appare in una versione più rilassata rispetto alle ultime uscite, degne del miglior Van Damme, ed è chiaramente lui che trascina la squadra e si prende il palcoscenico, supportato (e forse sopportato) dal resto del gruppo.

I momenti più caldi del primo step del live arrivano con “The Way You Used To Do”, singolo portante del loro ultimo lavoro “Villains” e “No One Knows”, cavallo (anzi, per chi si ricorda il celeberrimo video potremmo dire “renna”) di battaglia della band. Oltre a regalarci le solite tre parole “acchiappa fan italiani” (senza nessun paraculismo, peraltro), Homme si prodiga brillantemente in un dissing con gli uomini della security locale; rei di aver placato i ragazzi fra il pubblico che tentavano di pogare ed una signorina che aveva lanciato verso lo stesso Homme il proprio reggiseno. Il frontman non esita ad urlargli “Lasciate fare ai ragazzi il cazzo che vogliono, finché non si fanno male e si rispettano. Ricordate… stasera state lavorando per me!”. Messaggio ricevuto: non è proprio il caso di mettersi a discutere con Josh Homme.

Il live prosegue spedito (fino all’encore di rito) tra vecchi brani della discografia stoneagiana e quelli tratti dall’ultimo lavoro, arrivando al momento di maggiore coinvolgimento tra pubblico e band con “Make It With Chu”. Se fosse andata avanti per altri venti minuti nessuno avrebbe avuto certo da ridire, grazie al continuo scambio di versi tra band e presenti.

“A Song For The Dead” è il canto del cigno della serata, una serata perfetta sotto il punto di vista climatico e soprattutto musicale. Piazza Napoleone non era gremita come Pontida (anche se la motivazione sarebbe stata ovviamente migliore) ma tra i presenti nessuno ha storto la bocca. E come si sarebbe potuto, d’altronde.

Lapo Nencioni

About The Author

Lapo & Michel

Autori per Breakoff della rubrica musicale Bring the Noise // Vocalist di Break the Radio // Fanno cose, vedono gente

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close