giovedì 27 Giugno 2019 - 01:13

Colazione da Truman: Incontri con Capote – Recensione

Controverso, pungente, eclettico, geniale, la sua vita ha conosciuto alte vette e abissi profondi; è stato giudicato sprezzantemente da amici e nemici, fuori e dentro i salotti televisivi, senza però risparmiarsi di fare con loro altrettanto. Parliamo di Truman Capote, lo scrittore esibizionista e sfrontato di Colazione da Tiffany e A Sangue Freddo, e di come lui stesso si presenti nelle pagine del libro-intervista Colazione da Truman, Incontri con Capote, del giornalista e scrittore Lawrence Grobel, edito in Italia da Minimum Fax. Il libro raccoglie alcune delle conversazioni che i due hanno avuto fra il 1982 e 1984, nel tentativo forse di aprire uno spiraglio su un uomo dalla personalità brillante che ha cercato, per una intera vita, di avvicinarsi alla bellezza del mondo attraverso l’eleganza della narrazione.

Una sorta di disvelamento delle passioni e delle intenzioni di un’esistenza, quella di Capote, in perenne equilibro tra l’eccesso, la sregolatezza e il rigore imposto da una mente consapevole della propria grandezza. Lerry Grobal ripercorre, attraverso un dialogo prettamente formale con l’autore, le tappe campali della vita dello scrittore divenuto, nella seconda metà degli anni ’60, una vera e propria celebrità: dalla formazione precoce agli anni dell’infanzia e dell’adolescenza trascorsi con poco amore, dai primi passi nel campo del giornalismo e quindi della scrittura alle opere che hanno contribuito a cambiare il volto della letteratura americana, fino a passare dalle curiosità sul lavoro e ad Hollywood, alle indiscrezioni, alle chiacchiere più o meno vere sulla sua personalità pungente ed autodistruttiva.
In alcuni punti, Capote si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa: gusti, opinioni, aneddoti su colleghi, amici (l’amata Harper Lee) e detrattori, verità, smentite, tutto ciò che c’è da sapere su una delle figure intellettuali che hanno tenuto banco nell’America del novecento, dei party esclusivi, delle feste e dei tour musicali negli anni di John Kennedy e Lyndon B.Johnson.

Capote ne ha avute di storie da raccontare: da Colazione da Tiffany al romanzo-verità intitolato A Sangue Freddo, con il quale l’autore raggiunse l’apice della notorietà, fino ad arrivare a Preghiere Esaudite. Tuttavia, pur nel tentativo di inquadrarlo attraverso i suoi stessi racconti e le storie a tratti inverosimili, appare chiaro che qualcosa sfugga a questo compito tanto difficile quanto più complessa è la vita da organizzare e mettere insieme.

Luca Calò

About The Author

Luca Calò

Scrivo // Quando non scrivo, penso a cosa scrivere // Appassionato, sognatore e sperimentatore // Amo le short stories; non serve molto tempo per leggerle, giusto quello che si potrebbe utilizzare per portare fuori il cane o per cambiare colore ai capelli, eppure ti cambiano la vita.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close