mercoledì 20 febbraio 2019 - 10:40

Che ci guardiamo a settembre?

Amici breakoffers, dopo una lunga pausa estiva ritorna la vostra rubrica preferita completamente dedicata al magico mondo delle serie tv di casa Hollyood.

 

Dopo intense giornate trascorse con le chiappe a mollo sul bagnasciuga, è arrivato il momento di tornare alla realtà, alla vita di tutti giorni, ma soprattutto di selezionare i nuovi telefilm con cui fare binge-watching sotto al piumone mentre fuori piove. Ma chi lo vuole il mojito in spiaggia con Despacito in sottofondo e la salsedine sulla pelle, giusto? (dopo aver scritto questo ultimo rigo sono scappato in bagno a piangere).

 

Ma bando alle ciance e ciance alle bande, ecco la mia personalissima selezione per il binge-watching autunnale:

 

American Horror Story: Cult (FX)

Dopo sei stagioni, il piccolo gioiellino di Ryan Murphy e Brian Falchuck ritorna con tredici nuovi episodi dedicati al lato oscuro delle passate elezioni presidenziali americane, che hanno visto la vittoria di Donald Trump e la sonora sconfitta di Hillary Clinton (#gliamericanistannomale). In realtà i due politici fanno solo da contorno alla storia, che invece si concentra sulle conseguenze, personali e sociali, di queste storiche (e assurde) elezioni. Il primo episodio è andato in onda lo scorso 5 settembre è, per onor di cronaca, non ha ottenuto gli stessi consensi degli anni precedenti (circa 4 milioni di ascolti rispetto ai 6 milioni dell’anno scorso) ma AHS è una serie che deve carburare prima di far venir fuori il suo intero potenziale. Quest’anno voglio dargli fiducia.

 

 

Room 104 (HBO)

È una serie antologica creata dai fratelli Jay e Mark Duplass che sta ottenendo grandi consensi in patria, sia di pubblico che di critica. Unico elemento fisso è la stanza d’albergo 104 che ogni settimana accoglie diversi ospiti, esplorandone il carattere, le attitudini, le abitudini e le follie. In particolare nel secondo episodio, un pazzesco James Van Der Beek (meglio conosciuto come il caro vecchio Dawson Leery) interpreta uno psicopatico che dà filo da torcere a un fattorino delle pizze. Sembra banale, ma è qualcosa di geniale che dovete assolutamente recuperare!

 

 

BoJack Horseman (Netflix)

Dopo una terza serie dai toni più noir, la scorsa settimana ha debuttato la quarta stagione di quello che, a mio parere, è uno dei migliori prodotti seriali degli ultimi tempi. Anche in questi nuovi dodici episodi il protagonista è Bojack, ex star della tv che, ormai a quarant’anni, cerca di trovare un posto nella pazza pazza Hollywoo’. Non mi dilungo troppo con la trama perché un bravo telefilmaholic DEVE conoscere a memoria questo show, è proprio obbligatorio, come i vaccini

(che, fidatevi, servono).

 

 

The Deuce (HBO)

Com’è nata e si è sviluppata l’industria del porno americano? Ce lo raccontano questi 8 episodi prodotti ed interpretati da James Franco, in una New York degli anni Ottanta, tra prostituzione, droga e scoperta dell’HIV. Degna di nota l’interpretazione straordinaria di Maggie Gyllenhaal, vera mattatrice dello show, nel ruolo di una prostituta sieropositiva.

 

 

Menzione d’onore al mio telefilm preferito in assoluto, Will&Grace, che dopo diversi anni di pausa, ritorna con una nuovissima stagione di dodici episodi sulla NBC a partire dal 28 settembre. Io non vedo l’ora!

 

Ci tengo a precisare che HBO non mi ha pagato per segnalare le serie, ma qualora volesse farlo, posso fornire tranquillamente l’IBAN in privato.

 

Che il binge-watching sia con voi.

 

Vincenzo D’Angelo

About The Author

Vincenzo D'Angelo

Autore della rubrica Telefilmaholic per Breakoff.it // Studente di comunicazione e impiegato nel marketing // fa il cretino sul suo blog aspirantebiondo.it // "salto sul divano" è il suo sport preferito

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close